SOCIETÀ DEL WHIST
ACCADEMIA FILARMONICA

TORINO



IL PALAZZO

Il Palazzo dell'Accademia occupa il lotto centrale del fronte orientale di piazza San Carlo, la cui costruzione fu decretata nel 1642 dalla Duchessa Cristina di Francia, prima Madama Reale. L’edificio venne costruito tra il 1644 e il 1656 su commissione del Marchese Francesco Havard de Senantes, ufficiale francese fedelissimo della Duchessa, e venne trasmesso a sua figlia Cristina Carlotta, poi moglie del Marchese Giovanni Battista Isnardi di Caraglio, che ne divenne proprietario nel 1693. Per la facciata verso piazza San Carlo, fu fedelmente seguito il disegno di Carlo di Castellamonte. L'attuale assetto interno del palazzo risale alla metà del 700, quando venne integrato e decorato sotto la regia di Benedetto Alfieri, Architetto Regio dal 1739, e uno dei più autorevoli artefici della Torino del "classicismo-barocco”. Uno degli interventi di disegno urbano di Alfieri riguardò proprio l'architettura di piazza San Carlo: per ragioni statiche, il Regio Architetto intervenne sui portici murando in un solido pilastrone rettangolare le esili colonnine binate del progetto seicentesco, che a fatica sorreggevano il peso delle facciate. In questo modo le fronti della piazza assunsero l'aspetto che presentano ancora oggi.


Il palazzo fu perfezionato con grande cura e passione dall'ultimo Isnardi, Angelo, che ne divenne proprietario, ancora in infanzia, nel 1737. E' infatti proprio intorno al 1753 che Alfieri iniziò i lavori di definitiva sistemazione, compresi lo scalone monumentale e la facciata verso la contrada dei Conciatori (attuale via Lagrange). All’interno vennero realizzate nella conformazione ancor oggi esistente, i saloni di rappresentanza, l’Ottagono e la Galleria. Nel cantiere, Alfieri si valse dell'assistenza dell'architetto Giovanni Battista Borra, che, dopo la sua morte nel 1767, lo sostituì, specialmente per le decorazioni. Nel 1770, alla morte di Angelo Isnardi il palazzo fu ereditato dagli Asinari di San Marzano, che lo tennero per affittarlo. Nel 1771 l'Ambasciatore di Francia, barone Luigi di Choiseul, diede un gran ballo per festeggiare le nozze di Luisa di Savoia, figlia del futuro Re Vittorio Amedeo III, con il Conte di Provenza che, alla Restaurazione, divenne Re di Francia come Luigi XVIII. Nel 1782 il palazzo fu venduto al Marchese Giuseppe Vincenzo Solaro del Borgo, poi marito di Luisa Asinari di San Marzano. I Solaro tennero il palazzo fino al 1838, abitandolo essi stessi fino al 1827, quando lo affittarono all'Ambasciatore di Russia, il conte Woronzoff-Dashkoff. Nel 1838 il palazzo fu venduto (per Lire 380.000) all'Accademia Filarmonica che, a ventiquattro anni dalla sua fondazione, vi trovò così la sua sede definitiva. L'Accademia, fino alla metà dell’ottocento, funzionava anche come una vera e propria scuola di musica, per cui uno dei primi provvedimenti presi fu di allestire un salone per i concerti: l'Odeo. Ne fu incaricato il socio architetto Giuseppe Talucchi, che, sfruttando lo spazio del terrazzo che affacciava sul cortile, progettò la nuova sala armonizzandola con grande sensibilità all'opera di Benedetto Alfieri, adeguando e trasformando l'edificio alle mutate esigenze di destinazione: da residenza privata a sede del circolo. Con grande naturalezza il Talucchi allargò il piano del terrazzo, ottenendo così un cortile quadrato, che assunse lo spazio geometrico di un cubo ideale di circa 16 m. di lato, pari all'altezza delle maniche interne est e ovest, Con questa aggiunta si conclusero le modifiche sostanziali del palazzo, se si escludono le opere deliberate alla fine dell'ottocento, e le opere di ricostruzione effettuate dopo i bombardamenti dell'ultima guerra. Nella notte, infatti, di venerdì 20 novembre 1942, spezzoni incendiari lanciati sulla città da incursori aerei inglesi colpirono in particolare le travature del tetto verso piazza San Carlo. Le fiamme, rapidamente propagatesi, investirono i sottostanti piani provocando la caduta dei soffitti, tra i quali la volta del grande salone d'ingresso, affrescato da Bernardino Galliari. Fortunatamente l'archivio antico e la biblioteca musicale, conservati in altra ala del palazzo, si salvarono. L'incendio fu completamente domato soltanto il martedì 24 novembre, ma ormai tutta la parte prospiciente piazza San Carlo era crollata, salvo la sola facciata.


L'INTERNO

CORTILE

Al grande cortile quadrato interno si accede dalla piazza San Carlo attraversando l'imponente atrio castellamontiano. Questo spazio, opportunamente addobbato e coperto, fu anche utilizzato come sala da ballo dall'ambasciatore di Francia, barone di Choiseul, il 13 aprile 1771 e poi ancora dal conte Rignon, sindaco di Torino nel 1871.

 

SCALONE

Dall'atrio si accede allo Scalone a due rampe, ornato di stucchi e di balaustre in pietra di Garessio, che fa parte del contributo dell'architetto Benedetto Alfieri alla costruzione del palazzo.

 

SALONE DI INGRESSO

L'altezza del salone è di due piani, marcati in alto da un ballatoio con balaustra di ferro battuto. Il soffitto era in origine affrescato da Bernardino Galliari, (1758) ed ora, dopo le distruzioni della guerra, sotto la Direzione del socio architetto Arturo Midana i pittori Tagliaferri e Politi nel 1949 ridecorano la volta, raffigurando in un riquadro i Presidenti della ricostruzione postbellica, Tancredi Carrassi del Villar e Giovanni Canova, il Presidente della Commissione per la ricostruzione, Ettore Duprè, Arturo Midana e gli stessi pittori.

 

Al di sotto del ballatoio sono invece rimasti intatti i bassorilievi di stucco che rappresentano le fatiche d'Ercole, attribuiti allo scultore Bernero. All'epoca dei Solaro era ammobiliato, molto sobriamente, con grande tavolo e due più piccole consolles e portamantelli. Era quindi sostanzialmente una sala di passaggio, per arrivare nell'anticamera vera e propria, e un salone da ballo.

 

SALA DA PRANZO SOCI

Il soffitto è in stucco dorato in stile Luigi XV, come tutto il resto della sala. Da esso pende un lampadario stile Impero, e quindi diverso da quello che illuminava l'ambiente in origine. Di legno dorato le cornici degli specchi e quelle delle splendide sovrapporte, con dipinti dovuti probabilmente a Michele Rapous, specialista in soggetti di fiori e frutta, le cui opere si trovano, oltre che a Palazzo Reale, in moltissime case e palazzi piemontesi. All'epoca dei Solaro questa era l'anticamera, fornita di sofà, "cadregoni" e sedie, e decorata da un'allegra tappezzeria di seta bianca a grandi fiori verdi e rosa.

 

SALA DA PRANZO FORESTERIA

Anche qui un ricchissimo soffitto in stucco dorato Luigi XV e un lampadario Impero. La decorazione di tutto il salone continua questa volta anche negli stucchi delle sovrapporte, rappresentanti le Arti, dovuti probabilmente allo stesso Bernero, autore degli stucchi del salone d'ingresso, scultore di corte e professore a Torino a metà del settecento. Il paracamino intagliato e dorato è ancora quello originario dei Solaro, quando questo era il "Salone di compagnia", fornito di due sofà, sedici "sedioni" e una gran tavola rotonda centrale, e rivestito da una tappezzeria di seta ricamata in oro.

 

SALONE FORESTERIA

Il soffitto, come per gli altri saloni, è in stucco dorato, con lampadario Impero, come dorate sono le sovrapporte e le cornici delle specchiere. Qui, forse, si comincia a sentire di più lo stile Luigi XVI sia nella decorazione che nei dipinti delle sovrapporte, rappresentanti putti che giocano intorno a dei candelieri, quasi monocromi, dipinti probabilmente da Vittorio Amedeo Rapous, fratello del pittore della sala da pranzo soci, e che di questo genere era un celebre specialista nella seconda metà del settecento. Questo salone era in origine la camera da letto "di parata" della padrona di casa, e si affacciava con una finestra sul cortile e con due porte su un ampio terrazzo (oggi sono le porte che danno nell'Odeo). Era riccamente ammobiliata, con un letto a colonne nella parete di fronte al terrazzo e una tappezzeria bianca di seta ricamata, allo stesso modo di un sofà e di sedici "cadregoni" che, con due tavoli rotondi, completavano l'arredamento.Di fianco al letto, da dove oggi si entra nel salone, vi è l’oratorio, col soffitto decorato al centro dalla colomba dello Spirito Santo.

 

OTTAGONO

Questa piccola sala è il gioiello dell'appartamento, e non ha subito mutamenti sostanziali dall'epoca degli Isnardi, dei San Marzano e dei Solaro. Sono di grande ricchezza decorativa soffitto e sovrapporte, nelle quali i dipinti di fiori sono probabilmente del Rapous, come quelli della sala da pranzo soci. Dei tre ovali che ornano le pareti a specchiere, il ritratto di Vittorio Amedeo III (1773/1796), a cui fanno pendant le dee della pace e della guerra, permette di stabilire che questa sala fu completata dai San Marzano o dai Solaro, che tennero il palazzo dopo il 1770. I dipinti sono di Gian Domenico Molinari, pittore alla sua epoca celebre, che lavorò anche per la Casa Reale. Gli otto piccoli divani, anch'essi della stessa epoca, furono ricamati a piccolo punto nel 1839 dalle mogli dei soci dell'Accademia. Il paracamino potrebbe essere anch'esso del Rapous o, se anteriore di qualche anno, della pittrice Anna Caterina Gili.

 

GALLERIA

La Galleria dal punto di vista dello stile e della decorazione, è il naturale proseguimento dell'Ottagono, con le pareti a specchiere, il ricchissimo soffitto da cui pendono tre lampadari e gli otto quadri mitologici che decorano le specchiere. (Partendo da sinistra rispetto alla porta che dà nell'Ottagono i soggetti rappresentati sono: 1° Piramo e Tisbe; 2° Eracle e Onfale; 3° Leda e il cigno; 4° Cefalo e Procride; 5° Coreso e Calliroe; 6° l'ebbrezza di Bacco; 7° un satiro avvinto da alcune ninfe; 8° Apollo e Arsinoe). Le opere di pittura e scultura della Galleria sono attribuite al pittore Ludovico Tesio, piemontese, allievo a Roma di Pompeo Batoni, autore delle otto a soggetto mitologico e a Francesco Ladatte, scultore piemontese che studiò e operò a lungo a Parigi, autore delle due sovrapporte scolpite con i putti circondati da una grande conchiglia. Sono anche originali, come quelli dell'ottagono i divani e gli sgabelli ricamati anch'essi a piccolo punto dalle mogli degli Accademici nel 1839 per sostituire la vecchia stoffa consumata dell'epoca dei Solaro. La Galleria aveva molta più luce quando affacciava sul grande terrazzo, oggi sostituito dall'Odeo, oltre che su via Lagrange.

 

BIBLIOTECA

 

 

ODEO

Disegnato dall'architetto Talucchi, socio dell'Accademia, nel 1838, e completato nel 1840, al posto della terrazza dell'Alfieri, rappresenta un ricco esempio di stile di transizione dalla Restaurazione al neoclassicismo, ed è il tributo dato alla musica dai soci di allora. Al fine di ottenere un grande volume interno, acusticamente armonico atto a manifestazioni musicali come l'Accademia richiedeva, Talucchi utilizzò lo spazio lasciato libero dalla eliminazione del terrazzo originario per costruire un salone secondo un modulo base di 11,50 m., pari all'altezza e alla larghezza del salone e, raddoppiato, alla sua lunghezza. L'Odeo, completato nel 1840, sorse quindi come naturale analogia speculare del Salone d'Ingresso, allora affrescato dal Galliari. Circa la decorazione in stile tardo "restaurazione" composta da specchi e stucchi è da notare come, a posteriori pur mantenendo una autonomia stilistica, questa risulti in sintonia coll'arredo rococò realizzato cent'anni prima dall'Alfieri, dal Borra e dal Castelli, in virtù anche della scelta dei materiali stessi che hanno creato una sequenza organica di ambienti aulici di diversa epoca

Al fondo vi è il ritratto attribuito al Capitini di Re Carlo Alberto, che dell'Accademia fu protettore e mecenate. L'Odeo riprende, con gusto più moderno, gli ambienti con pareti a specchiera e la decorazione dorata di tutto il resto dell'appartamento, con l'aggiunta, sotto il ritratto di Carlo Alberto, di un palco sopraelevato per le esecuzioni musicali.

 

SALE SOCIALI

Queste sale, in gran parte ristrutturate a partire dall'acquisto da parte dell'Accademia e dopo l'ultima guerra, formavano un tempo un appartamento, assai meno ricco di quello verso via Lagrange, composto da un ingresso (l'attuale biliardo), una camera da letto (l'attuale sala della televisione), altre due camere, un salone e uno studio.